Home Page - Anai-it

30/05/2016
Vai ai contenuti

Menu principale:




























Il Centenario della  Battaglia degli Altipiani, il Centenario del nostro Corpo, è stato celebrato in modo degno ed emozionante:
-il 18 maggio dal Comando dei Trasporti e Materiali, presso la Caserma G.ROSSETTI in Cecchignola;
-il 20 maggio dall’ANAI e dal Comando dei Trasporti e Materiali, con la deposizione di una Corona d’alloro al Sacello del Milite Ignoto, in onore degli Autieri Caduti per la Patria;
-il 21 e 22 maggio dall’ANAI in Fiuggi, per il XXVIII° Raduno Nazionale, con la partecipazione di moltissimi Autieri in servizio ed in congedo, con relative famiglie, alla presenza della Bandiera di Guerra  dell’Arma. del Comandante Logistico dell’Esercito Gen.C.A. Adriano VIECELI e del Comandante dei Trasporti e Materiali Magg.Gen. Vincenzo PURI.

La celebrazione ha avuto un grande successo, generale e riconosciuto, nel ricordo e nell’ammirazione degli Autieri di ieri e di oggi.
Grazie a tutti, di cuore!

FERVENT ROTAE FERVENT ANIMI !
Ten.Gen. Vincenzo DE LUCA
Presidente Nazionale degli Autieri d’ITALIA




Messaggio augurale ai Radunisti del Capo dello Stato
 
All'Associazione Nazionale Autieri d'ITALIA, Promotrice di questo XXVIII Raduno, Desidero inviare l'Apprezzamento del Paese e Mio Personale per la Lodevole Opera di Raccordo tra gli Appartenenti all'Arma di Ieri e quelli in Servizio e per la Costante Azione tesa a Tramandare nella Socetà Civile le Tradizioni e i Valori delle Forze Armate.
In questo 2016, alla Festa di Ritrovarsi ancora una volta Insieme, si unisce il Ricordo di quei Soldati che Cento Anni orsono, alla Guida dei loro Automezzi, furono Protagonisti di quel Primo Grande Trasporto Strategico che Contribuì ad Arrestare l'Offensiva Nemica sull'Altopiano dei Sette Comuni.
Oggi l'Arma Trasporti e Materiali ed i suoi Effettivi contribuiscono in modo Rilevante alla Capacità di Proiezione dello Strumento Militare Terrestre,anche al di fuori dei Confini Nazionali per l'Assolvimento dei Complessi Compiti Assegnati nell'ambito del Contributo che il nostro Paese Offre alla Stabilizzazione di tante Aree Conflittuali. Al contrasto del Terrorismo, alla Difesa della Legalità Internazionale.
Nel Rivolgere il Mio Deferente Omaggio ai Caduti dell'Arma Trasporti e Materiali ed al Labaro dell'Associazione, Invio a tutti i Partecipanti l'Auspicio per il buon esito dell'Evento ed il Mio Caloroso Saluto.
                                                                                                               SERGIO MATTARELLA
Messaggio Augurale ai Radunisti del Capo di Stato Maggiore della Difesa

Generale di Corpo d'Armata Claudio Graziano

Messaggio di Saluto del Capo di SME in occasione del XXVIII Raduno dell’Associazione Nazionale Autieri d’Italia
(ROMA e FIUGGI, 20 – 22 maggio 2016)
Autieri d’Italia, in servizio e in congedo, attraverso le pagine di questo numero speciale della rivista “L’Autiere” sono lieto di rivolgerVi, a titolo personale e di tutto l’Esercito, il più caloroso saluto in occasione del Vostro XXVIII Raduno Nazionale che si terrà a Roma e a Fiuggi. Porgo, innanzitutto, un pensiero deferente e commosso agli Autieri di ogni epoca che, con dedizione e lealtà, hanno sacrificato il bene più prezioso, la propria vita, per la difesa della Patria. Giunga il mio vivo apprezzamento al Presidente dell’Associazione Nazionale Autieri d’Italia, Tenente Generale Vincenzo DE LUCA, e a tutti i suoi membri che diuturnamente, con passione e volontà, contribuiscono a mantenere sempre vivi e a diffondere i valori più nobili dell'Arma dei Trasporti e Materiali, soprattutto fra i giovani destinati a ricevere il testimone nel solco di una antica tradizione. Una tradizione che nasce sul finire del XIX secolo quando il Regio Esercito si avvia sulla strada dell’automobilismo militare con l’introduzione in servizio di autoveicoli che furono impiegati, per la prima volta nella storia delle operazioni militari italiane, l’8 giugno 1912 nell’area di Zanzur in Libia, quando 54 autocarri “Fiat 15 Ter” provvidero al trasporto dei viveri, rifornimenti e materiali necessari al rafforzamento delle linee e allo sgombero dei feriti. Da allora,inizia una storia di eroismi e di valore che dalla “Battaglia degli Altipiani” del 1916, che bloccò la Strafexpedition austro-ungarica grazie a una complessa e magistrale operazione logistica,
continua nelle ambe abissine, nelle gelide steppe della Russia, nei torridi deserti nordafricanie nelle riconquistate contrade d’Italia, arrivando fino ai nostri giorni che vedono gli uomini e le donne dell’Arma, forti di tale nobile retaggio, giocare un ruolo da protagonisti, costituendo l’asse portante della logistica operativa tanto nelle operazioni condotte dall’Esercito fuori dai confini nazionali quanto negli interventi di pubblica utilità in Patria. In particolare, nei contesti fuori area, gli Autieri hanno svolto, con infaticabile perizia e competenza tecnica, un’incessante attività che ha contribuito, oltre che al pieno successo delle missioni, a consolidare il prestigio dell’Esercito e della Nazione sul palcoscenico internazionale. Un’opera di elevatissimo spessore umano e professionale che il personale del Corpo ha saputo replicare nei molteplici impegni sostenuti sul territorio nazionale come, ad esempio, nel 1981 in occasione del terremoto in Campania e Basilicata, quando ha provveduto all’immagazzinamento di ingenti quantità di materiali di soccorso e al loro successivo smistamento, all’evacuazione delle popolazioni dalle zone più devastate, allo sgombero dei feriti gravi negli ospedali civili e al supporto logistico di tutti i reparti affluiti nell’area, meritando così la Medaglia di Bronzo al Valore dell’Esercito.Oggi, la professionalità dell’Arma dei Trasporti e Materiali, costituita nel 1998 quale erede del Corpo Automobilistico, si traduce in attività tecniche e gestionali delicate e onerose riguardanti il sostegno e il mantenimento di sistemi d’arma complessi, armamenti, munizionamenti, apparati di telecomunicazione, vettori terrestri, aerei e mezzi per la difesa NBC, nonché la gestione dei trasporti  operativi. Attribuzioni che riflettono una duttilità di impiego trasversale che include pressoché tutte le esigenze logistiche della Forza Armata e che, nel tempo, sono state oggetto di radicali trasformazioni che hanno interessato sia la manutenzione dei sistemi, per impedirne il decadimento delle capacità operative, sia la razionalizzazione degli approvvigionamenti e dei rifornimenti, allo scopo di contenere i costi ed evitare l’accumulo di scorte inutilizzate. Concludo nella convinzione che questa giornata di festa rappresenta per tutti l’occasione per rinnovare i gloriosi ricordi del passato, ma soprattutto per coniugarli con le avvincenti sfide del domani che, sono certo, saprete affrontare e superare con quello slancio e quell’entusiasmo che costituiscono, da sempre, il Vostro tratto distintivo.
  IL CAPO DI STATO MAGGIORE DELL’ESERCITO
 Generale di Corpo d’Armata Danilo ERRICO

Generale di Corpo d'Armata
Adriano VIECELI
C.te Logistico dell'Esercito
Messaggio in occasione
della Festa del 22 maggio
Per una corretta visualizzazione usa

<br />

Sezione Salò ( Brescia )
Raduno di Salò tenutosi
domenica 8 maggio 2016


39° Anniversario Fondazione
Sezione ANAI di Salò
Sezione ANAI di ROMA
" dal 22 al 28 aprile si  è svolta, ospiti della base logistica militare di Sanremo, l'annuale gita culturale  organizzata dalla sezione ANAI di Roma. Nella foto i numerosi  Soci partecipanti, posano di fronte alla cattedrale del Principato di Monaco  intitolata alla immacolata concezione."

IL PRESIDENTE DELLA SEZIONE ANAI DI  ROMA
GEN. Leonardo FRENZA

Cari Amici,
la Sezione ANAI  di Roma si è fatta promotrice della realizzazione di una  prestigiosa penna ,   in occasione del centenario.
In allegato la  locandina con le informazioni di dettaglio.
Cordiali  saluti.  Ten.Gen.  Vincenzo DE LUCA
Presidente  Nazionale degli Autieri d’Italia













 
Autieri lecchesi riuniti nel ricordo di chi ha dato il sangue per la Patria
Scritto Lunedì 18 aprile 2016 alle 15:39
 
Giornata di celebrazioni quella di ieri, domenica 17 aprile, per la sezione Autieri di Lecco, che ha festeggiato il 46^ anniversario di fondazione invitando i rappresentanti di tutte le sezioni della Lombardia.


La cerimonia è iniziata con la messa delle ore 11 al Santuario Madonna della Vittoria in via Azzone Visconti per proseguire nella cripta sacrario dei Caduti di tutte le guerre del Novecento, dove è stato deposto un omaggio floreale. L'ottantina di partecipanti si è poi recata al ristorante Le Torrette di Pescate per il pranzo d'onore.
    


SANTA MARIA DELLA VERSA - RADUNO INTERREGIONALE AUTIERI NELL’AMBITO DEL CENTENARIO  DEI  PRIMI GRANDI TRASPORTI AUTOMOBILISTICI MILITARI

Il Raduno interregionale assume una articolare rilevanza, in quanto che coincide con le celebrazioni per il Centenario dei primi grandi (1916-2016). E’ con la Battaglia degli Altipiani, infatti, che nasce la figura   dell’Autiere. La battaglia fu combattuta sugli altipiani vicentini (19-22 maggio 1916) durante la prima guerra mondiale tra esercito italiano e austro-ungarico  e fu definita come Strafexpedition ("spedizione punitiva") nei
confronti dell’Italia che aveva “tradito” l’alleanza pre-bellica.Il 15 maggio 1916 il Maresciallo austriaco Conrad, mise in campo questa “spedizione punitiva” con l’obiettivo di invadere la pianura veneta. Il Generale Cadorna, obbligato ad inviare un rinforzo, trovò nell’impiego degli autocarri un mezzo adatto e celere per lo spostamento di un ingente numero di truppe da dislocare dall’armata dell’Isonzo a quella degli Altipiani. A seguito di questa decisione del Generale Cadorna, il 19 maggio le unità automobilistiche delle varie armate diedero origine al primo grandioso impiego di automezzi. Tanti furono gli episodi di ardimento e sacrificio degli Autieri, come quello di portare i loro mezzi fino alle prime linee, sotto il tiro delle mitragliatrici e delle artiglierie nemiche. In soli 4 giorni 1.000 autocarri trasportarono circa 120.000 uomini e molti materiali, grazie all’instancabile attività, prontezza, disciplina e resistenza fisica degli Autieri che, in colonna, percorsero al giorno anche più di 250 km. Il Centenario dei primi grandi trasporti automobilistici militari coincide con l’importante Raduno Interregionale degli Autieri d’Italia (A.N.A.I.) e 1° Raduno ASSOARMA svolto in Provincia di Pavia che avrà luogo a S. Maria della Versa (PV) nei giorni 11 e 12 giugno 2016. Esso coinvolge tutte le Armi e i Corpi delle Forze Armate che gli automobilisti militari hanno avuto l'onore di trasportare durante questi ."primi" cento anni di vita.

Gli Ufficiali dell’Arma Trasporti e Materiali del 193° corso “Valore” e frequentatori della Scuola di Applicazione di Torino si sono recati in visita di studio presso il Polo Nazionale Rifornimenti Motorizzazione, Genio, Artiglieria e NBC di Piacenza.
I tredici Ufficiali sono stati ricevuti dal Direttore del Polo, Colonnello Pietro BARBERA, che ha illustrato loro il programma della giornata di studio e le principali tematiche di interesse.
  12 MARZO 2016 – CASTELNUOVO DI GARFAGNANA   

 
Si è svolta, a Castelnuovo di Garfagnana, presso il centro operativo intercomunale,  la prima riunione operativa per l’esercitazione nazionale di protezione civile, programmata per il prossimo settembre a Castelnuovo ed in Garfagnana. L'esercitazione è promossa dall’Associazione Nazionale Autieri d'Italia, alla quale hanno aderito la provincia di Lucca, l'Unione dei Comuni della Garfagnana e il Comune di Castelnuovo. Presenti alla riunione i massimi esponenti dell'A.N.A.I. nazionale, il Capo Settore Brg.Gen. Silvio Sebbio e il responsabile della colonna mobile Sig. Giuseppe Papa, l'on. Raffaella Mariani, il consigliere Mario Puppa per la Provincia, l'assessore Francesco Angelini e Mauro Giannotti, coordinatore del Coi, per l'Unione dei Comuni, l'assessore Ilaria Pellegrini, il consigliere Carlo Biagioni ed il responsabile della protezione civile di Castelnuovo Vincenzo Suffredini, il presidente dell'ANAI della sezione della Garfagnana Massimo Turri e la coordinatrice provinciale di zona per il volontariato Roberta Fornari.



 









10°  anniversario  della  costituzione  del  Reggimento.  La  cerimonia  ha  toccato  un  profondo momento  di commozione e di forte coinvolgimento durante l’inaugurazione del monumento ai caduti, la cui benedizione è stata impartita da S.E. Monsignor Santo Marcianò Ordinario militare per l’Italia, alla presenza della vedova e genitori, del Caporal Maggiore Capo Gaetano Tuccillo, AUTIERE del battaglione logistico Ariete caduto a Bakuah, Afghanistan, il 2 luglio 2011.

TeF Channell Magazine

SPECIALE 4 NOVEMBRE 2013
MUSEO DELLA MOTORIZZAZIONE


per una corretta visualizzazione usa








 
Torna ai contenuti | Torna al menu